24 ore di Le Mans: nell’Hyperpole la più veloce è la Porsche di Estre!

by Nicolò Accardo

Si è appena conclusa l’Hyperpole per la 24h di Le Mans: la pole è targata Porsche, subito dietro le Cadillac, le due Ferrari non incidono

La cronaca della Hyperpole

Grande divertimento e spettacolo a Le Mans, con la Hyperpole che decide l’ordine di partenza della celebre 24 ore.
Come accennato precedentemente, alla Hyperpole non ha preso parte la Porsche 963 #12 privata del team Hertz Jota Sport a causa dell’incidente nelle FP2, il quale ha danneggiato completamente la vettura, obbligando il team a un cambio di telaio.
Le vetture entrano immediatamente in pista: subito si nota la guida al limite dei piloti, con Vanthoor sulle soft che è il primo a segnare un tempo in 3:26.701. Arrivano subito dopo le Ferrari, con prima Fuoco e poi Pier Guidi, i quali rifilano 3 decimi al pilota BMW.

È tutto apertissimo: al secondo giro Fuoco abbassa di 5 decimi il tempo, ma Bourdais sulla Cadillac #03 gli rifila altri 3 decimi… il tempo di un altro giro che il francese abbassa ancora il tempo fino a 3:24.816.

La BMW M Team WRT #15: ieri con Dries Vanthoor l'entrata in Hyperpole
La BMW M Team WRT #15: Ieri con Dries Vanthoor l’entrata in Hyperpole, oggi sempre con Dries l’incidente e la settima posizione

All’ultima curva, Iribe con la sua McLaren GT3 si gira durante un giro mostruoso in cui, solamente nel secondo settore, rifilava 7 decimi agli altri piloti della LMGT3.

A 7 minuti e 50 dal termine, Vanthoor va a muro alla “Esses D’Indianapolis” causando una bandiera rossa. I suoi tempi vengono cancellati, così come era successo alla Toyota #07 nella qualifica di ieri. Come citato dal regolamento, nonostante venga rimesso in pista, Vanthoor è obbligato a ritirarsi dalla qualifica, dovendo partire in quarta fila.

Si riparte dopo la bandiera rossa: Fuoco sbaglia alla chicane Dunlop e si deve accontentare. Pier Guidi gli toglie la seconda posizione e inizia l’ultimo giro a caccia del tempo di Sébastien Bourdais.

Alex Lynn prova a migliorare la sua posizione, seguito subito dalla Rossa #51. Lynn è al limite, “rivernicia i muri” dicono i commentatori. Estre guida al limite ma non sembra averne abbastanza. Lynn arriva sul traguardo ed è POLE PROVVISORIA! Estre era dietro per tutto il giro, ma riesce a piazzare la sua Porsche 963 in HYPERPOLE POSITION, prima posizione per il team Penske e per i leader della classifica!

Hyperpole a Le Mans: Porsche è ancora prima!
Hyperpole a Le Mans, Porsche è ancora prima!

Questi sono quindi i risultati della Hyperpole:

  1. Porsche Penske Motorsport #06: Kévin Estre, Laurens Vanthoor, André Lotterer | 3:24.634
  2. Cadillac Racing #02: Alex Lynn, Earl Bamber, Alex Palou | +0.148 (5 posizioni in griglia per l’incidente a Spa)
  3. Cadillac Racing #03: Sébastien Bourdais, Scott Dixon, Rengen Van Der Zande | +0.182
  4. Ferrari AF Corse #51: Alessandro Pier Guidi, Antonio Giovinazzi, James Calado | +0.522
  5. Ferrari AF Corse #50: Antonio Fuoco, Miguel Molina, Nicklas Nielsen | +0.964
  6. Alpine Endurance Team #35: Paul-Loup Chatin, Ferdinand Hasburg, Charles Milesi | +1.079
  7. BMW M Team WRT #15: Dries Vanthoor, Raffaele Marciello, Marco Wittman | Nessun Tempo (cancellati)
  8. Hertz Team Jota #12: Callum Illot, Will Stevens, Norman Nato | Nessun Tempo

Foto: WEC

You may also like

Contatti

Scarica l'app

©2024 – Designed and Developed by GPKingdom

Feature Posts