Kimi Antonelli in Williams già ad Imola? Palla alla FIA

Clamorosa bomba odierna in F1, con Kimi Antonelli in Williams già nel GP di casa a Imola, al posto di Logan Sargeant. Ora ultima parola a FIA

Non ho dubbi che Kimi sarà presto in F1. Ha fatto incredibilmente bene nella sua serie junior”. James Vowles, team principal di Williams ed ex (apparentemente) braccio destro di Toto Wolff, parlava così dell’allora sedicenne Kimi Antonelli, promettente giovanissimo pilota italiano. Parole che pregustavano un sapore dolcissimo di realtà. Già, perché, la bomba lanciata da Joe Saward nella giornata di oggi, ha scosso tutto l’ambiente di F1.

Un ipotetico passaggio di Kimi Antonelli in Williams era già stato pronosticato per il GP di Monza, al posto ovviamente dell’americano Logan Sargeant. Logan però potrebbe farsi da parte molto prima del previsto, dato che ultime e clamorose indiscrezioni riportano Kimi già in pista a Imola. Un’avventura mozzafiato che attende il giovanissimo pilota Prema (e ancora minorenne) Kimi Antonelli, promettente “baby fenomeno” come descritto anche da chi sta orchestrando tutte le trattative, Toto Wolff.

Kimi Antonelli in Williams già ad Imola: possibile scenario per il baby italiano, pilota di Prema in F2

Grande fan del diciassettenne italiano (quest’anno il classe 2006 compirà appena 18 anni), Toto cerca oramai da tempo un pilota che possa sostituire il partente Lewis Hamilton, in direzione Ferrari già nel 2025. Il 7 volte Campione del Mondo, che vestirà appunto il Rosso con Leclerc la prossima annata, aveva già a febbraio aperto un valzer di piloti in uscita (o in entrata) nel circus. E proprio Antonelli compariva tra i nomi gettonati per ricoprire il sedile di Hamilton nel 2025.

Un sogno con un ultimo ostacolo: la deroga FIA

Ricordate l’anno 2015? E’ passato un pò di tempo ormai, ma è lì che è possibile trovare un importante precedente per questa vicenda: correva proprio 9 anni fa, un diciassettenne di nome Max Verstappen, colui che oggi domina il Campionato, e si appresta a vincere il quarto Mondiale di fila. L’olandese, che non era patentato, aveva tuttavia il diritto a correre in F1. Lo statuto della FIA ha però, anni dopo, riformulato la procedura di “ammissione” al mondo della F1, andando a imporre il paletto della superlicenza obbligatoria per gli aspiranti piloti.

Kimi Antonelli in Williams rimpiazzerebbe l’ormai deludente Logan Sargeant, qui in foto con Alexander Albon nel GP di Cina

Ecco perché Saward così scrive in merito a questo delicato tema: “La Williams prenderebbe Antonelli se potesse tenerlo per 18 mesi, il problema è che la SuperLicenza sarà abilitata solo a fine agosto quando Antonelli compirà 18 anni. La Williams potrebbe chiedere alla FIA una deroga dato che Verstappen ha potuto correre a 17 anni.”

Se un pilota dimostra di avere le carte in regola per poter correre dovrebbe essergli concesso. Quella relativa ad un giovane astro nascente, per giunta italiano, sarebbe una bella storia e se la Federazione concedesse la deroga Antonelli debutterebbe già a Imola il 19 maggio nella gara di casa”.

Le parole di Vowles e un ritorno italiano in F1

James Vowles, come detto ex uomo Mercedes e attuale team principal di Williams, in stretta collaborazione con Toto Wolff, aveva già parlato in tempi non sospetti di un possibile arrivo in Williams di Kimi Antonelli.

Stiamo iniziando a costruire un programma ragionevole per sviluppare la prossima generazione di piloti. È nella posizione che speri. Dal mio punto di vista, si tratta più di guardare cosa succederà in futuro. Abbiamo Alex Albon sotto contratto per il prossimo anno e anche Logan Sargeant. Ma anche alcuni junior. Si tratta solo di vedere come andrà tutto nei prossimi mesi“.

Quando ti prendi cura di un ragazzino di 11 anni, non hai idea se sarà fantastico, o magari bravo, eccezionale o nella media. Ma con lui, fin dai primi giorni di F4, potevi vedere che stava sviluppandosi eccezionalmente bene”.

Il possibile approdo di Kimi Antonelli in Williams, con ovviamente futuro targato Mercedes, spalancherebbe di diritto le porte al ritorno del tricolore italiano in F1. L’ultimo pilota (purtroppo scaricato ingiustamente) a correre con la nostra bandiera è stato Antonio Giovinazzi nel 2021, alla guida di Alfa Romeo.

Dopo le tre stagioni in costante crescita dell’attuale terzo pilota Ferrari, e vincitore della 24H di Le Mans, sembrava ormai improbabile l’arrivo a breve termine di un altro connazionale. Tuttavia il mondo gira così rapidamente. Soprattutto in F1.

Foto: Williams Racing, Kimi.Antonelli, Prema_team

Articoli correlati