ULTIM’ORA: Mohamed Ben Sulayem assolto dalla FIA, cadono le accuse!

Mohamed Ben Sulayem assolto dopo le accuse di settimana scorsa: ora è ufficiale, cadono le accuse ai danni del Presidente della FIA

Sono state settimane non facili per il Presidente della FIA Mohamed Ben Sulayem. L’ex-pilota emiratino, oggi a capo della Federazione Internazionale dell’Automobile, venne indagato dal Comitato Etico della FIA per presunte pressioni sulla revoca della penalità inflitta a Fernando Alonso a Jeddah 2023, quando, passando dai 10 secondi inflitti ai 5 poi corretti, riprese il suo terzo posto sul podio.

Mohamed Ben Sulayem assolto dalla FIA: il presidente era stato accusato di pressioni illecite
Mohamed Ben Sulayem assolto dalla FIA: il presidente era stato accusato di pressioni illecite

Oltre a ciò, si parlava di ulteriori pressioni di Ben Sulayem al fine di boicottare il GP di Las Vegas 2024: versioni che il Comitato Etico della FIA ha riportato alla Federazione stessa, così da fare chiarezza il più possibile su una delle figure più importanti del mondo del motorsport.
Ebbene, il risultato dell’indagine è arrivato: Mohamed Ben Sulayem è definitivamente assolto da tutte le accuse, ed anzi stando al comunicato della FIA Ben Sulayem ne esce decisamente rafforzato da questa indagine.

Il comunicato ufficiale della FIA

“Il Dipartimento di conformità della FIA, supportato da consulenti esterni, ha condotto indagini approfondite sulle accuse relative ad una potenziale interferenza nelle decisioni sportive durante gli eventi di Formula 1 nel 2023. Dopo aver esaminato i risultati delle indagini, il Comitato Etico è stato unanime nel decidere che non c’erano prove a sostegno delle accuse di interferenze di qualsiasi tipo che coinvolgevano il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem”.

Le accuse contro il presidente della FIA si sono rivelate infondate e sono state presentate prove evidenti oltre ogni ragionevole dubbio a sostegno della decisione del Comitato Etico. Il Presidente della FIA è stato prosciolto da ogni illecito riguardante le accuse di aver interferito con la decisione del Collegio dei Commissari Sportivi (in servizio nel Gran Premio d’Arabia Saudita) al fine di annullare un’ulteriore penalità sulla vettura 14 (Fernando Alonso) a seguito di una appello presentato dell’Aston Martin Aramco Cognizant F1 Team al Gran Premio dell’Arabia Saudita 2023, così come in merito alle accuse di aver tentato di interferire con il processo di certificazione della pista per il Gran Premio di Las Vegas 2023.

“La certificazione è stata completata e approvata a tempo debito. La totale collaborazione, trasparenza e conformità del Presidente durante tutto il processo durante questa indagine è stata molto apprezzata, conclude il comunicato ufficiale della FIA, scagionando dunque il presidente Ben Sulayem.

Articoli correlati

Stefano Zambroni
Lecco, 21 yo | Founder di GPKingdom | Content creator (@zambro.gpk) | Amante di sport e motorsport