Flop Mercedes a Jeddah, Hamilton severo: “Le prossime gare…”

Quello della Mercedes a Jeddah è un vero flop: Russell deluso, Hamilton tuona: “Potevamo agire diversamente, prossime gare dure”

No, in casa Mercedes nessuno è contento dopo il Gran Premio dell’Arabia Saudita. E non poteva essere diversamente, visto il risultato deludente ottenuto a Jeddah: il sesto posto di George Russell e il nono posto di Lewis Hamilton danno un preoccupante scenario di quinta forza in campo per Mercedes, essendosi posizionata dietro a Ferrari, McLaren, Aston Martin ed ovviamente alla solita Red Bull. Quarta nei costruttori con 26 punti in due gare, quanti ne ha ottenuti il solo Verstappen in Bahrain: una delusione che, ovviamente, serpeggia anche tra i due piloti del Mercedes AMG Petronas F1 Team.

Lewis Hamilton severo: "Massimizzato il risultato di questa Mercedes a Jeddah, ma le prossime gare..."
Lewis Hamilton severo: “Massimizzato il risultato di questa Mercedes a Jeddah, ma le prossime gare…”

Così George Russell ha commentato il GP ai microfoni ufficiali della Mercedes: “È stata una lunga serata là fuori. Ho trascorso quasi 40 giri a 1,5 secondi da Fernando Alonso ma non sono riuscito a superarlo. Avevo una macchina scivolosa sui rettilinei, ma non potevo avvicinarmi abbastanza ad alta velocità per dargli una reale pressione. Il sesto posto è stato probabilmente un buon risultato alla fine ed è chiaro che non abbiamo ancora trovato il punto giusto con questa vettura“.

“Nel complesso, però, dobbiamo trovare un po’ più di prestazioni. Abbiamo visto il potenziale e il ritmo della macchina, ma non lo abbiamo dimostrato quando contava. Dobbiamo capire il perché e migliorare in vista di Melbourne. Come abbiamo visto, l’ordine gerarchico dietro la Red Bull è molto vicino, quindi dobbiamo tenerlo sotto controllo. C’è tanto lavoro da fare, ma credo nella squadra, ha concluso un Russell decisamente critico nei confronti della W15.

Hamilton allarma: “Arriveranno gare complicate, potevamo agire diversamente”

Commento ancor più severo da parte di Lewis Hamilton: “Abbiamo fatto del nostro meglio per andare lunghi oggi e speravamo di poter trarre vantaggio da una safety car o da una VSC. Sfortunatamente non è mai arrivata a noi e alla fine siamo finiti leggermente più indietro rispetto a quanto avevamo iniziato. Valeva la pena provare qualcosa di diverso però. Abbiamo dato tutto quello che avevamo e questo è stato probabilmente il miglior risultato che potessimo ottenere oggi, visto come si è svolta la gara”.

Una W15 che per altro, come confermato dallo stesso Hamilton, fatica sulle curve ad alta velocità. L’inglese lancia l’allarme per le gare successive, che secondo lui saranno dure: “C’è del potenziale in questa vettura, ma dobbiamo ancora aggiungere una buona dose di prestazioni. La macchina oggi andava abbastanza bene nelle curve a media e bassa velocità, ma perdevamo terreno in quelle ad alta velocità. Dobbiamo prepararci, perchè le prossime gare saranno complicate ma faremo un grande sforzo per migliorare il più possibile. So che tutti in fabbrica abbasseranno la testa e lavoreranno più duramente che possono”, ha concluso.

Foto: Mercedes AMG Petronas F1 Team

Articoli correlati

MotoGP ad Austin, che SPETTACOLO! Vince Vinales, 2º Acosta!

È una meraviglia la MotoGP ad Austin: Marquez emoziona...

Wehrlein Conquista Misano: Una Vittoria al Fotofinish!

Misano, dramma all’ultimo giro di gara 2: Rowland si...

Qualifica 2 dell’E-Prix di Misano: Hughes in pole

Hughs porta a casa la sua prima pole position,...
Stefano Zambroni
Lecco, 21 yo | Founder di GPKingdom | Content creator (@zambro.gpk) | Amante di sport e motorsport