Joel Pearson: un Gran Premio durato 3 lunghi anni

”Who cares if one more light goes out?
Well I do.”
– Linkin Park

In memoria di Joel Pearson, la giovane stella che ha combattuto come un toro durante questi ultimi 3 anni.

È terrificante il gioco della vita: capace di non dare niente ma, allo stesso tempo, di togliere tutto.
Un giorno sei un ragazzo felice, spensierato, gioioso, sognatore; il giorno dopo sei costretto a cambiare in fretta e furia i tuoi piani per il futuro perché ti è appena stata diagnosticata una rara forma di cancro alle ossa.

Joel Pearson durante gli anni nel Ginetta Junior Championship

Questa è la storia di Joel Pearson, pilota diciannovenne che ha dovuto abbandonare troppo presto il volante delle auto per prendere in mano quello della sua vita, correndo un doloroso e cruento Gran Premio durato tre lunghi anni, il cui unico rivale era la sua malattia. Purtroppo, pur avendo combattuto con i denti e con le unghie, Joel la bandiera a scacchi non è riuscito a vederla, non è riuscito a tagliare anche quel traguardo.

Joel Pearson, la sua carriera e la diagnosi della malattia

Il piccolo Joel Pearson raffigurato nella sua tuta da pilota

Da grande appassionato delle quattro ruote fin da bambino, anche grazie all’amore che provava il padre verso il motorsport, Joel è passato dai kart alle auto da corsa verso la metà del 2018. Ha partecipato a vari campionati come il Ginetta Junior Championship e, seppur per un breve periodo a causa della diagnosi della sua malattia, al campionato britannico della Formula 4.

Joel Pearson in una monoposto lottando contro la malattia per il suo sogno

Il giovane pilota non ha mai abbandonato la sua forza d’animo. Lotte degne di grandi nomi del passato del motorsport come Jules Bianchi o Antoine Hubert che hanno perso la vita in pista; o ancora, chi ha lottato tra le fiamme come Niki Lauda, leggenda ed icona della F1. Non lo ha fatto né quando è stato costretto a rimandare il suo debutto in Formula 4 per concentrarsi sulla terapia in Germania, né quando, dopo un incidente che gli ha causato la rottura del pollice e in seguito il peggioramento del cancro, ha dovuto abbandonare per la seconda volta il suo sogno di correre in una monoposto.

Il 5 ottobre 2023 Joel ha finalmente potuto respirare nuovamente l’aria di un circuito grazie al Team BRIT, l’unico team competitivo al mondo con piloti da corsa con disabilità.

Joel Pearson alla guida di una McLaren 570S GT4 

Ciao Joel…

Joel, circondato dai suoi cari e da feroce guerriero, ha lasciato questo mondo qualche giorno fa.

Tutto il team di GPKingdom fa le più sentite condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici, i quali lo hanno supportato nei momenti più difficili.

Joel Pearson che sorride

Che tu ora possa riposare in pace, piccola stella, continua a sorridere così anche da lassù.

Foto: Joel Pearson Racing, Feeder Series

Articoli correlati

Ferrari nel pallone: l’errore negli aggiornamenti potrebbe costare carissimo

Situazione difficilissima in casa Ferrari: ora il team di...

La storia di François Cévert, il pilota dagli occhi color cielo

Il nostro racconto su François Cévert, pilota di Formula...

UFFICIALE: ecco la Red Bull RB17, la nuova hypercar di Adrian Newey!

Presentata a Goodwood la RB17, la prima Hypercar di...

Ferrari-Newey, è finita? La sfida sembra essere tra McLaren e Aston Martin

Pare che la trattativa Ferrari-Newey si sia arenata: l'inglese...
Alice Roghi
Ciao amici, io sono Alice e ho un sogno molto grande nel cassetto! IG e TikTok: @4chiacchieresullaf1 | IG: @aliceroghi_