La RB20 in Bahrain distrugge ogni tempo: F1, è già 2025?

Mostruosa Red Bull RB20 in Bahrain: Max Verstappen si piazza 8 decimi davanti a tutti e fa rivivere l’incubo di un 2023 bis in Formula 1

Brividi. Sembrava instabile nei primi giri, sensibile in uscita di curva, o almeno questo si evinceva nelle prime tornate dei test F1 del Bahrain di questa mattina. Invece… sembra già che la stagione 2024 sia finita ancor prima di iniziare: 8 decimi più veloce di tutti, 1.2 secondi più veloce dello scorso anno e una sola conferma, ovvero che la Red Bull non è soltanto la vettura da battere, ma è al momento l’unica candidata al titolo mondiale.

Max Verstappen sulla Red Bull RB20 in Bahrain
Max Verstappen sulla Red Bull RB20 in Bahrain

C’è chi (giustamente, sia chiaro) dirà che sono solo test e che c’è ancora tempo, che è troppo presto. Tutto corretto, ma aldilà dei tempi bisogna essere realisti: la Red Bull ha fatto, come detto da Helmut Marko, una piccola rivoluzione, e nonostante ciò sono bastati dieci giri a far funzionare a meraviglia una vettura per certi versi nuova.

La Red Bull RB20 in Bahrain ha dimostrato di essere di nuovo dominante, devastante, incredibilmente e drammaticamente più veloce rispetto agli altri. C’è la Red Bull e poi ci sono tutti gli altri: eloquente l’esordio di Toto Wolff, che già al primo giorno ha quasi gettato le armi, così come il sorriso di Giampiero Lambiase, ingegnere di pista di Max Verstappen.

Ferrari, McLaren e gli altri?

Non è però tutto da buttare. McLaren sta andando davvero forte, la Ferrari in Bahrain si dimostra molto stabile e probabilmente si gioca il secondo posto con il team di Norris e Piastri, e si vedono i miglioramenti del lavoro invernale. Ciò che però lascia a bocca aperta non è tanto il distacco (ci aspettavamo altro, visto Abu Dhabi 2023?), ma l’estrema ed incredibile facilità con la quale la Red Bull RB20 ha messo in pista gli aggiornamenti. Le prossime due giornate ci daranno idee sui tempi (finora non troppo significativi), ma ad oggi è chiaro: un 2023-bis è difficile, ma dopo quanto visto oggi non impossibile.

Foto: Oracle Red Bull Racing

Articoli correlati

Ferrari nel pallone: l’errore negli aggiornamenti potrebbe costare carissimo

Situazione difficilissima in casa Ferrari: ora il team di...

La storia di François Cévert, il pilota dagli occhi color cielo

Il nostro racconto su François Cévert, pilota di Formula...

UFFICIALE: ecco la Red Bull RB17, la nuova hypercar di Adrian Newey!

Presentata a Goodwood la RB17, la prima Hypercar di...

Ferrari-Newey, è finita? La sfida sembra essere tra McLaren e Aston Martin

Pare che la trattativa Ferrari-Newey si sia arenata: l'inglese...
Stefano Zambroni
Lecco, 21 yo | Founder di GPKingdom | Content creator (@zambro.gpk) | Amante di sport e motorsport