GP del Messico: l’incredibile storia degli Hermanos Rodriguez

La triste storia degli “Hermanos Rodriguez”, simboli del GP del Messico, un appuntamento ricco di storia e misteri ancora ignoti

Un destino legato ad un’irrefrenabile passione: solo così si potrebbe riassumere e descrivere realmente la storia dei fratelli Rodriguez. O se volete, “los hermanos” Rodriguez. L’appuntamento del Messico è sempre uno dei più attesi nel calendario della F1, in particolare dai piloti, sempre vogliosi di sfrecciare sulla pista “azteca” intitolata proprio a loro, agli Hermanos Rodriguez. Nonostante negli ultimi anni il GP messicano non abbia regalato particolari lotte, la pista di Città del Messico anno dopo anno è sempre più nella storia.

Il perché dell’eternità del circuito centroamericano è da ricercare facendo qualche passo indietro, spostando le lancette al 1962. In un quotidiano 1 novembre di 61 anni fa, si correva la prima edizione del gp del Messico, che vedeva il debutto in casa dell’irrefrenabile Ricardo Rodriguez. Un pilota, il messicano, che il pubblico amava particolarmente per il suo carattere irruento sia in pista che fuori.

I fratelli Rodriguez nelle categorie minori, protagonisti di una storia drammatica in F1
I fratelli Rodriguez nelle categorie minori, protagonisti di una storia drammatica in F1

Scaltro e particolarmente veloce, Ricardo diede filo da torcere ad Enzo Ferrari, costretto a tenerlo a freno per la sua vivacità. All’epoca è stato il pilota più giovane della storia della Formula 1, e ciò non faceva che “gasarlo” ancor di più. Il tutto fino a quel giorno, perché nelle prove del gp la vita di Ricardo si spegnerà.

La storia di Pedro e l’autodromo

Il dolore di Pedro, per la scomparsa del fratello Ricardo, non fermerà il sogno della F1, troppo più forte anche di un evento simile. La paura e la poca sicurezza della F1 di allora non ostacoleranno il sogno di un altro predestinato, pronto ad affrontare l’ambiente europeo di questo sport, rischioso e purtroppo crudele. Il sogno si avvera: Pedro Rodríguez arriva in Formula 1 alla fine del 1963. Corre con Lotus, correndo i Gran Premi di Stati Uniti e Messico.

Pedro realizzerà un altro sogno, correndo qualche sessione di test con la Ferrari, stringendo i rapporti con Enzo Ferrari. Al primo gp della stagione 1967, in Sudafrica, Pedro otterrà una sorprendente quanto fortunosa vittoria che gli vale il rinnovo contrattuale con il team Cooper per il resto della stagione. Il messicano si imporrà anche nel Gran Premio del Belgio 1970, sull’insidiosa pista di Spa-Francorchamps. Quell’anno sfiora il successo anche nel GP degli Stati Uniti, ma un problema tecnico lo costringe al ritiro. L’inizio della sfortuna.

La carriera di Pedro Rodríguez si conclude in maniera tragica, come era già successo al fratello: nel luglio 1971, a 31 anni, muore nel corso di una gara minore che stava disputando in Germania. Un incidente orribile, 9 anni dopo il fratello maggiore Ricardo, che malgrado tutto gli consegnerà la gloria e l’onore degli archivi della F1.

L’autodromo e il ritorno della F1

L’autodromo di Città del Messico, a partire dall’anno seguente, porterà il nome degli “Hermanos”, incoronando la carriera e la vita sfortunata dei Rodriguez. La F1, tuttavia, interromperà più volte il proprio contratto con l’autodromo. Inizialmente per 15 anni (tra il 1970 e il 1985), in seguito per ulteriori 23 (1992-2015), per poi tornare tappa protagonista del Mondiale. L’edizione del 2015 segnerà un incredibile sold-out, sottolineando quanto il calore del popolo messicano mancasse al circus.

L'autodromo "Hermanos Rodriguez", dove si disputa il gp del Messico, ricordando i fratelli
L’autodromo “Hermanos Rodriguez”, dove si disputa il gp del Messico, ricordando i fratelli

Ferrari curiosamente, negli ultimi 7 anni (nel 2020 non si corse causa Covid), non ha mai vinto, lasciando spazio sempre a Verstappen, Hamilton e Rosberg. Una storia ricca di mistero e talvolta affascinante quella di una pista, per molti “maledetta”. Una pista che porta il nome di due eroi, che a loro modo hanno segnato un altro capitolo dell’eterna storia del motorsport. Semplicemente, la storia della F1.

Foto: Motorsport, F1

Ultimi articoli

Polemica sul podio di Sainz in Bahrain: ecco cosa è successo

Un terzo posto che ha fatto felice lo spagnolo,...

Peugeot 9X8 in Qatar, un’altra batosta: arriva la squalifica! Ecco il perché

Continua a piovere sul bagnato per Peugeot 9X8 in...

L’ANALISI: c’è un problema ritiri in F1. Ora serve cambiare

Ormai è sempre più problema ritiri in F1: per...

POST GARA: tutte le interviste del GP del Bahrain 2024

Gran Premio del Bahrain 2024: le dichiarazioni dei protagonisti

Da non perdere

Polemica sul podio di Sainz in Bahrain: ecco cosa è successo

Un terzo posto che ha fatto felice lo spagnolo,...

Peugeot 9X8 in Qatar, un’altra batosta: arriva la squalifica! Ecco il perché

Continua a piovere sul bagnato per Peugeot 9X8 in...

L’ANALISI: c’è un problema ritiri in F1. Ora serve cambiare

Ormai è sempre più problema ritiri in F1: per...

POST GARA: tutte le interviste del GP del Bahrain 2024

Gran Premio del Bahrain 2024: le dichiarazioni dei protagonisti

1812Km del Qatar: Porsche vince la gara inaugurale del WEC! Ecco il riassunto

Porsche vince la 1812Km dopo 335 giri di gara:...

Polemica sul podio di Sainz in Bahrain: ecco cosa è successo

Un terzo posto che ha fatto felice lo spagnolo, ma meno qualche tifoso social: è polemica sul primo stagionale podio di Sainz in BahrainÈ...

Peugeot 9X8 in Qatar, un’altra batosta: arriva la squalifica! Ecco il perché

Continua a piovere sul bagnato per Peugeot 9X8 in Qatar: prima la perdita del podio, poi la squalifica! Ma capiamo cosa è successo...Boccone amaro...

L’ANALISI: c’è un problema ritiri in F1. Ora serve cambiare

Ormai è sempre più problema ritiri in F1: per la prima volta nella storia, nessuno ha terminato anzitempo la gara inaugurale del mondiale. E...